Informazioni personali

La mia foto
TRIESTE, Italy
Pratico l'aromaterapia e amo tutti i profumi. Divoratrice di libri,adoro cantare e viaggiare. Vorrei saper cucinare bene...

VITRIOL D'OEILLET : l'ultima fatica del Maestro Lutens

Grazie ad un'amica, sono entrata in possesso di un sample della nuova fragranza del Maestro (devo ancora capire, infatti, come mai a me la Maison spesso  si scorda di inviarmi le novità...va bhe.. ).
E quindi me la sono studiata con sommo piacere in questi giorni di vacanza !

Vitriol d'Oeillet mi sorprende con un'apertura carnosa, fiorita e calda. 

( Immagine da http://im.wk.io)

Non avverto nulla di pungente, acre o fumoso..
E penso, d'istinto : " Che bel profumo !!! "

E' un giardino notturno, non invaso dalla luce e dal calore del sole. 


(Immagine da : http://www.omero.it)


Ci sento tutti gli aromi intensi e dolci dei fiori, ma non sono nè squillanti, nè gridati. Rilasciano, invece, un caldo languore..ma con un quid in più..

Avverto, infatti, da un lato, un'atmosfera sensuale..due amanti che si preparano per una notte di passione, forse anche all'aperto, di certo in una calda notte estiva...


( Immagine da http://www.fotoamore.it/foto/big/sensuali.jpg)

Ma  a questa immagine se ne sovrappone un'altra.. ben meno sensuale e decisamente gotica e un po' inquietante.. Vedo una donna in nero, pallida ed esangue.. e sottilmente perfida..Una donna pericolosa e misteriosa...

( Immagine da http://www.mediamelara.it/argomenti/mov_giov/Movimenti%20Giovanili/donna.jpg)

E' certamente una fragranza che porta la firma del Maestro Lutens: una mano decisa e sempre un po' notturna.  Ma questa volta ci troviamo difronte ad una  bella fragranza fiorita, priva di quell'usuale fondo boisè-legnoso.

E' un profumo portabile anche da un uomo, a mio parere, perchè il Maestro, come al solito, non lascia troppo spazio a sentori femminili, dolci e soavi...

Non capisco molto  il riferimento al "vetriolo" del nome..perchè non ci sento alcuna nota graffiante..anzi...Anche il garofano, a dire il vero, non mi pare il  protagonista della composizione..per lo meno non quanto lo è in quella del Maestro Villoresi, ad esempio...Ma a me non dispiace.

Evoluzione lenta e complessa, in pieno stile Lutens, durante la quale le due anime del profumo si rincorrono.. e nessuna delle due ha mai il sopravvento sull'altra...
Forse, nel finale, avverto una lieve scia vagamente metallica che potrebbe richiamare  un po' di vetriolo.. 

Tra le ultime uscite, ammetto che questa è la prima che mi piace davvero, che sento nelle mie corde..che potrei portare, magari con un clima lievemente più fresco per non farla diventare una "bombazza" sulla mia pelle.

Mi fa sentire una donna speciale.. un po' demonio un po' angelo.. una sensazione forte.. strana e conturbante.. 


 

2 commenti:

  1. Bella presentazione di questo nuovo profumo. Complimenti. Delia

    RispondiElimina
  2. Brava Mary
    Markkino

    RispondiElimina